Bibbiaoggi
Gesù Cristo, la Bibbia, i Cristiani, la Chiesa

Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna (Giovanni 3,16).

È fuori di sé

Secondo il racconto di Marco è come se Dio avesse fatto un’incursione nel mondo: ha aperto i cieli ed è sceso in mezzo a noi. Con la venuta di Gesù, il mondo è, per così dire, un mondo squarciato da Dio. Al battesimo di Gesù i cieli sono stati squarciati ...
continua a leggere

Il libro dei Re, tra storia e teologia

In realtà i libri sono due (1 Re e 2 Re) nelle nostre versioni della Bibbia, ma possiamo considerarli come un’unica opera di uno stesso autore, pertanto useremo la dicitura “libro dei Re” per entrambi. Il titolo, risalente a Girolamo che lo adattò per la sua versione in latino, è appropri...
continua a leggere

I luoghi di culto nel mondo antico e nella Bibbia

Non esiste tra gli antichi un popolo che si considera o si definisce ateo. L’ateismo è una scelta, che oggi si cerca di giustificare culturalmente, ma non è un dato istintivo o naturale: nessun uomo nasce ateo; ateo si diventa. Ogni popolo antico ha la sua religione e il suo luogo di culto. Il luogo di culto &egrav...
continua a leggere

I temi della vita nel vangelo di Giovanni

Giovanni è l’evangelista che più tratta i temi della vita nel suo vangelo. Mentre Matteo tratta il tema della vita 7 volte, Marco 4 volte, Luca 5 volte, Giovanni lo tratta per ben 39 volte. Il tema della vita, la parola vita, la pienezza della vita è il filo conduttore del vangelo di Giovanni. Il tema della ...
continua a leggere

L’uomo saggio e l’uomo stolto

La piccola parabola dei due costruttori (l’uomo saggio o avveduto e l’uomo stolto) e delle due case chiude il “discorso della montagna” (Matteo 7,24-27) o “discorso della pianura” (Luca (6,47-49). Gesù inizia con le beatitudini e conclude con la similitudine dei due costruttori de...
continua a leggere