Bibbiaoggi
Gesù Cristo, la Bibbia, i Cristiani, la Chiesa

Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna (Giovanni 3,16).

Il rischio delle nostre comunità o di tanti cristiani di oggi è quello di vivere un “cristianesimo annacquato, depotenziato, marginale” (o di non riuscire a vivere la vita in pienezza). Il pericolo non è quello di non credere nella Bibbia, ma è quello di credere e di non avere la forza, la potenza (dynamis) di riuscire a vivere secondo le Scritture, secondo l’insegnamento o l’imperativo che troviamo nelle lettere del Nuovo Testamento. Nonostante tutti i nostri sforzi per raggiungere il tenore di vita richiesto ai cristiani, un senso di sconfitta e di frustrazione pervade a volte la nostra vita. La frase che spesso si sente dire è: “Io non ci riesco a fare ciò che Dio vuole da me!”. Ci sentiamo impotenti, incapaci di tradurre nella nostra vita gli insegnamenti biblici. Perché?


La Bibbia è come un aereo, e i vangeli sono il motore o i motori dell’aereo. Per quanto potente e grande sia un aereo, non volerà mai se non si accendono i motori. È la potenza del motore che fa volare l’aereo in cielo. Ci sono cristiani che ogni giorno si concentrano sulla lettura del Nuovo Testamento (o anche sulla lettura di libri dell’Antico Testamento), cioè si concentrano sulle cose che un cristiano deve fare o non fare, ma non riescono a volare, cioè a vivere da figli di Dio. Perché? Perché sono i vangeli il motore per la vita cristiana. È nei vangeli che si trova o si ha la potenza per vivere l’insegnamento delle lettere del Nuovo Testamento (e della Bibbia). Gesù è la potenza e il motore che ci fa volare. Gesù ci dona la potenza dello Spirito Santo di cui abbiamo bisogno per volare. Solo se ogni giorno viviamo in compagnia di Gesù, attraverso i vangeli, noi riusciremo a volare.

Paolo Mirabelli

Gallery|Bibbiaoggi
Foto & Post della Gallery: 1690
Non basta possedere la Bibbia: bisogna leggerla. Non basta leggere la Bibbia: bisogna comprenderla. Non basta comprendere la Bibbia: bisogna viverla.

“Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona.” (2 Timoteo 3,16-17). “Anima mia, trova riposo in Dio solo, poiché da lui proviene la mia speranza. Egli solo è la mia rocca e la mia salvezza; egli è il mio rifugio; io non potrò vacillare.” (Salmo 62,5-6).

Trova il tempo per pensare; trova il tempo per dare; trova il tempo per amare; trova il tempo per essere felice. La vita è troppo breve per essere sprecata. Trova il tempo per credere; trova il tempo per pregare; trova il tempo per leggere la Bibbia. Trova il tempo per Dio; trova il tempo per essere un discepolo di Gesù.