Bibbiaoggi
Gesù Cristo, la Bibbia, i Cristiani, la Chiesa

Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna (Giovanni 3,16).

Nel mese di novembre abbiamo tenuto una serie di incontri in presenza (ormai è consuetudine specificare la modalità degli incontri, poiché in questo tempo di pandemia non sempre è facile avere degli incontri in presenza, dipende anche dal colore delle nostre regioni) sul libro del Qohelet o Ecclesiaste. Come è noto, la cosa che più colpisce nella lettura sono le parole che accompagnano ogni parte del libro, come in un refrain l’autore continua a ripeterci: “Vanità delle vanità, tutto è vanità”. Eppure, meditando le parti di questo libro, abbiamo scoperto come, non solo i Salmi, ma anche il Qohelet può recare consolazione nella pandemia: dipendiamo tutti dal tempo e dalle circostanze o i giusti e le loro opere sono nelle mani di Dio? Ci siamo meravigliati nel costatare i punti di contatto che la realtà descritta dall’autore ha con la situazione che noi stiamo vivendo nella pandemia. Egli parla di un’esperienza, ma non ci chiama a farla, anzi vuole evitarcela. La teologia della retribuzione, con il principio di causa-effetto, non spiega perché le cose accadono a “tutti, allo stesso modo”, perciò il senso della vita va cercato al di là del contingente, oltre il qui e ora: in un disegno che dà valore al tutto, anche all’esperienza quotidiana. È proprio questa apertura verso Dio che fa da trama all’intero libro, come mostrano certe espressioni molto significative. Temi Dio e osserva i suoi comandamenti, non concludere il tuo discorso escludendo Dio dalla tua vita, se non vuoi accorgerti che la vita è soltanto un correre dietro al vento, e che l’unica cosa che questo mondo può offrirti è una tomba. Ciò che Dio fa invece è per sempre. Egli ha messo nei cuori degli uomini il pensiero dell’eternità, la spinta a pensare oltre il tempo.


Partendo da queste riflessioni, abbiamo deciso di condividere con altri gli insegnamenti che il libro del Qohelet ci offre, con una serie di incontri questa volta su zoom. Il primo che segue in ordine di tempo è organizzato dalla Comunità di Aprilia per giovedì prossimo, il 26 novembre 2020, alle ore 20:30. Per avere il link e l’ID del collegamento su zoom, basta scrivere al nostro indirizzo email o alla Chiesa di Cristo di Aprilia.

22 novembre 2020

Gallery|Bibbiaoggi
Foto & Post della Gallery: 1111

In tutto c’è Dio: egli è in ognuno, dentro e fuori ed in ogni parte, cosicché in qualsiasi creatura nulla può essere più intimo e riposto che Dio stesso. Senza di lui è il nulla. Dio riempie il mondo ma non è contenuto dal mondo. Trova il tempo per credere; trova il tempo per amare; trova il tempo per essere felice. Trova il tempo di leggere la Bibbia. Trova il tempo di essere un discepolo di Gesù Cristo. Il tempo è un dono di Dio; la vita è troppo breve per essere sprecata. Gesù ti dona la vita esuberante (Giovanni 10,10).