Bibbiaoggi
Gesù Cristo, la Bibbia, i Cristiani, la Chiesa

Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna (Giovanni 3,16).

È bene aspettare in silenzio la salvezza del Signore, così sta scritto nel libro delle Lamentazioni (3:26 ). Aspettare. Aspettare calmi, tranquilli è qualcosa che bisogna imparare. Per natura noi uomini e donne siamo impazienti. Vogliamo tutto e subito. Vogliamo che si realizzino al più presto tutti i nostri desideri, ma il Signore qualche volta li deve correggere perché ha qualcosa di meglio in serbo per noi. Perché non realizza subito i nostri desideri? Perché egli non ci ama? Assolutamente no, non è così. Il Signore ci ama, ci vuole benedire e vuole che siamo una benedizione anche per gli altri. Dio non ha promesso di realizzare tutti i nostri desideri, anche quelli più effimeri e assurdi, bensì di realizzare tutte le sue promesse per noi. In alcune circostanze della vita spesso siamo necessitati ad aspettare per cambiarle, ma non siamo in grado di farlo. Aspettare calmi, tranquilli e nell’attesa fidarsi del nostro grande Dio: è qualcosa di completamente diverso. Il Signore ci vuole condurre finché non diciamo: “Sì, Padre, perché così ti è piaciuto!” (Luca 10:21).


Nel libro della Genesi (40:14 ) Giuseppe in prigione ha constatato che aspettare è difficile, ma alla fine reca buoni frutti. Imprigionato ingiustamente per due anni, si è scoraggiato e si sarà domandato (quasi come in una tentazione) se avesse senso aspettare: perché poi aspettare? Al coppiere del Faraone, anch’esso imprigionato, Giuseppe disse: “Ma ricordati di me, quando sarai felice, e sii buono verso di me, ti prego; parla di me al Faraone e fammi uscire da questa casa”. Per Giuseppe aspettare la liberazione del Signore era una lunga attesa e per questo ha chiesto al coppiere di occuparsi di lui e della sua situazione, ma il coppiere si dimenticò di lui. Dio si è dimenticato di Giuseppe? Dio si dimentica di te o di me? Forse così può sembrare, certe volte, ma il Signore non si dimentica di nessuno di noi, e finalmente arriva il tempo per essere liberati. Se la liberazione viene dagli uomini, per Giuseppe dal coppiere, sicuramente non saremo veramente liberi, come Giuseppe che non sarebbe stato veramente libero. Giuseppe doveva imparare ad aspettare il tempo stabilito da Dio, così noi dobbiamo imparare ad aspettare i tempi di Dio e le sue benedizioni per noi. I tempi di Dio sono sempre giusti e per il nostro bene. Giuseppe è arrivato come schiavo in Egitto e la sua liberazione è venuta dal Signore nei tempi e nei modi migliori, ricevendo una grande benedizione per lui e la sua famiglia. Questo ci insegna a non disperare quando dobbiamo sopportare varie prove e sofferenze nel nostro cammino di fede. Il Signore non si dimentica mai di noi e ha la soluzione migliore per chi crede in Lui. Dobbiamo avere fiducia nell’attesa. Dobbiamo imparare ad aspettare.

Ljerka Mikan

Gallery|Bibbiaoggi
Foto & Post della Gallery: 1073

In tutto c’è Dio: egli è in ognuno, dentro e fuori ed in ogni parte, cosicché in qualsiasi creatura nulla può essere più intimo e riposto che Dio stesso. Senza di lui è il nulla. Dio riempie il mondo ma non è contenuto dal mondo. Trova il tempo per credere; trova il tempo per amare; trova il tempo per essere felice. Trova il tempo di leggere la Bibbia. Trova il tempo di essere un discepolo di Gesù Cristo. Il tempo è un dono di Dio; la vita è troppo breve per essere sprecata. Gesù ti dona la vita esuberante (Giovanni 10,10).