Bibbiaoggi
Gesù Cristo, la Bibbia, i Cristiani, la Chiesa

Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna (Giovanni 3,16).

Starà in voi

«Se mi amate, osservate i miei comandamenti» (Gv 14,15). Poiché prima aveva detto: «Qualunque cosa chiederete, io la farò» (Gv 14,13) perché non credessero che bastasse chiedere, aggiunse: «se mi amate»; allora io la farò. Poiché era nat...

continua a leggere

Il Signore è il mio pastore

«Il Signore mi conduce al pascolo e nulla mi mancherà» [Sal 23, 1 ss.], il Signore Gesù Cristo è il mio pastore e nulla mi mancherà. «Mi ha posto nel luogo del pascolo», nel luogo dove inizia il pascolo mi ha condotto alla fede, qui mi ha posto per darmi nutrimento. &...

continua a leggere

Tra i due Testamenti

Del periodo che va dalla chiusura del canone biblico dell’Antico Testamento alla venuta di Gesù conosciamo poco, le notizie storiche sono scarse: le fonti bibliche arrivano fino al tempo del ritorno dall’esilio e ai primi anni di ricostruzione; la letteratura extrabiblica è scarsa e non sempre è at...

continua a leggere

Princìpi della Chiesa Cristiana

Nel 1863 fu pubblicato a Torino un libretto di quaranta pagine dal titolo: “Principi della Chiesa Romana, della Chiesa Protestante e della Chiesa Cristiana”. Lo scritto è anonimo, o meglio, non reca in copertina il nome di alcun autore, ma pare che sia  da attribuire a Teodorico Pietrocola Rossetti e al conte P...

continua a leggere

Le beatitudini

Sono indicati come poveri di spirito gli umili e quelli che temono Dio, cioè che non hanno uno spirito borioso. E non conveniva che la beatitudine cominciasse da altro dal momento che deve giungere alla somma sapienza. I superbi dunque desiderino e amino pure i regni della terra, ma «beati i poveri in spirito, perché d...

continua a leggere